Al Prowein la Calabria cala i suoi assi: Turismo enogastronomico e cultura 25 aziende, 60 etichette.
di Pino Viteritti

ENOTRI | il portale dell'enogastronomia cosentina
E’ questa la squadra che la regione Calabria ha presentato all’adizione 2017 del Prowein. Una missione speciale nata in collaborazione con la DE.S.A. – Deutchland Sommelier Association – che ha visto i vini della regione protagonisti di master class e workshop. “Il mercato tedesco rappresenta una voce importante per il nostro expo – dichiara Carmelo Salvino dirigente generale Dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari della Regione Calabria – e quindi la nostra presenza al Prowein, nello spazio gestito dalla DE.S.A., costituisce un’opportunità importante. Abbiamo così potuto toccare con mano il grande appeal che i nostri vini esercitano sugli operatori tedeschi.” E in effetti è grande la curiosità intorno all’area degustazioni gestita della Enoteca Regionale. Stampa e operatori europei sono attratti dalla novità costituita dai vini di un terroir che ha tutte le carte in regola per entrare di diritto nel gotha della produzione nazionale, ma che, anche per i winelover più esperti costituisce un patrimonio tutto da scoprire. “ I più informati conoscono il nostro Cirò – dichiara Gennaro Convertini Presidente Enoteca Regionale Casa dei Vini di Calabria – ma è bello vedere la curiosità destata dagli altri nostri vitigni. Ma sono state soprattutto le nostre bollicine a sorprendere i palati più esigenti. Il che ci porta sicuramente a proseguire con convinzione nel nostro progetto Magna Grecia metodo classico.” Tanti gli appuntamenti “made in Calabria” in questi tre giorni di Dusseldorf, con gli ospiti che hanno potuto apprezzare non solo le peculiarità dei vitigni della regione ma anche la sua ricchezza dal punto di vista turistico e paesaggistico, testimoniata dal magnifico trittico mare-cultura-enogastronomia che non è sfuggito ai critici del NY Times. La Calabria, risulta infatti l’unica realtà territoriale italiana inserita dal prestigioso quotidiano nella top list delle più importanti al mondo. Il tutto frutto anche di una nouvelle vague di giovani chef che in breve hanno conquistato il ruolo di testimonial della regione: basti pensare a Caterina Ceraudo e Luca Abruzzino, giovani e preparatissimi talenti in grado di raccontare le eccellenze della regione in giro per il mondo, esprimendone al meglio l’essenza culturale le potenzialità espressive. “Questo appuntamento con la DE.S.A. al Prowein – conclude Salvino – rappresenta una tappa importante di un percorso che ci vede impegnati, come Istituzione, a fornire ai nostri produttori tutto il sostegno e la visibilità che, grazie al loro impegno e dedizione, le nostre eccellenze meritano. Se è vero che scontiamo un gap purtroppo spesso davvero ampio con altre regioni italiane, va ricordato come però la Calabria possegga dei plus unici, in termini di paesaggio e paniere enogastronomico, che ci consentiranno, ne sono certo, di recuperare senz’altro lo svantaggio iniziale”. FONTE: cucinaevini.it
Aggiungi a Facebook

Pubblicata in data: 24/3/2017