Sila, dopo 8 anni torna a viaggiare il treno a vapore del 1926
di Pino Viteritti

ENOTRI | il portale dell'enogastronomia cosentina
L'antico trenino della Sila riprende a sbuffare dopo otto anni di "riposo": dall'8 agosto carrozze d'epoca attraversano la magia del parco trainate da una locomotiva a vapore FCL 353 del 1926. Tutti a bordo quindi (centoventi posti) nelle vetture di legno sulla tratta inaugurale Moccone-Camigliatello-San Nicola, importante in passato - solo la strada ferrata poteva garantire il collegamento con Cosenza nei giorni di grande neve - ma poi abbandonata. L'iniziativa, fortemente voluta dalla Regione Calabria per spingere il turismo slow nell'altopiano silano, si colloca nell'ottica di riprendere tutte quelle ferrovie - migliaia di chilometri - nate per far uscire dall'isolamento le piccole realtà italiane ma poi abbandonate negli anni '40-50, con lo sviluppo dell'industria automobilistica (altre più tardi, in seguito alle realizzazione di varianti del tracciato). Si trovano in zone del nostro Paese che restano fuori dall'asse ferroviario principale che va da nord a sud. I biglietti si possono comprare sin da ora ma si viaggerà dal 12 agosto. Il risveglio della tratta silana, con il trenino d'epoca, è un primo passo per un agosto slow tra boschi e cascate nella Sila, rinomata per essere, in Europa, uno dei luoghi migliori per la qualità dell'aria. Seguiranno le inaugurazioni di altre due tratte. (a cura di Anna Maria De Luca). FONTE:video.repubblica.it
Aggiungi a Facebook

Pubblicata in data: 10/8/2016